I 5 migliori condizionatori portatili

Guida all'acquisto
26/06/2020 Maria Antonia Frassetti 7391

Il condizionatore portatile è la soluzione ideale per rinfrescare la tua casa in estate quando e dove vuoi. Scopri come scegliere il modello più adatto alle tue esigenze e la nostra top 5 con i migliori condizionatori portatili del momento.

migliori condizionatori portatiliMeno costoso di un impianto di climatizzazione fisso e più efficace di un ventilatore: è il condizionatore portatile, una soluzione pratica dalla grande versatilità. Il suo punto di forza sta proprio nella possibilità di utilizzarlo per raffreddare la tua abitazione solo dove ne hai realmente bisogno. In commercio esistono tanti tipi di climatizzatori portatili: le differenze sono a livello strutturale, ma anche dal punto di vista delle funzioni disponibili, dei consumi energetici e del livello di rumorosità. Se stai pensando di acquistare un climatizzatore mobile per l’estate ora che è comparso il primo caldo, è bene che tu sappia come scegliere la soluzione più indicata per le tue necessità. Alla fine di questo articolo trovi anche la nostra classifica con i 5 migliori condizionatori portatili attualmente disponibili sul mercato.
  condizionatore portatile con tubo

Il miglior condizionatore portatile? Ecco cosa valutare

Partiamo dalla prima distinzione da prendere in considerazione. Sappi che esistono condizionatori portatili definiti monoblocco o a unità singola dotati di un’unica struttura interna a cui è collegato un tubo che serve ad aspirare l’aria calda e a scaricarla fuori dall’abitazione. Vanno posizionati vicino a una finestra o a un balcone per poter far passare il tubo sotto la tapparella, tra gli infissi oppure attraverso un foro appositamente creato sul vetro della finestra. Tieni conto che l’umidità si trasforma in condensa che viene raccolta all’interno di una vaschetta da svuotare periodicamente.

In alternativa ci sono i condizionatori portatili con split (meno comuni), composti da due unità distinte: una interna e l’altra esterna (il motore). Anch’esse sono collegate da un tubo dentro il quale circola il gas refrigerante. Rispetto alla prima, questa soluzione è più potente e silenziosa dentro casa, ma è rumorosa all’esterno. In questo caso lo smaltimento della condensa viene fatto direttamente dall'unità esterna attraverso un sistema di nebulizzazione dell'acqua.
 
 

Come scegliere il miglior climatizzatore portatile

Ci sono poi altri elementi da prendere in considerazione, come le prestazioni e le funzionalità integrate. Le prime hanno a che fare con la potenza refrigerante, espressa in BTU/h. Più questo numero è alto, tanto più il condizionatore è potente. Attenzione, però: questo valore va valutato in relazione alla dimensione del locale che devi rinfrescare. Per esempio, per una stanza fino a 20-30 mq³ è sufficiente un condizionatore al di sotto dei 10.000 BTU/h. Molto importante è poi la classe di efficienza energetica (meglio se A, A+ o superiore). Se vuoi risparmiare sulla bolletta, ti consiglio di scegliere un modello con tecnologia inverter (anche se costa di più), in quanto il motore modula la potenza in base alla temperatura dell’ambiente, calibrando così i consumi. 

Per quanto riguarda le funzionalità, invece, la scelta dipende dalle tue specifiche esigenze. Ci sono climatizzatori che servono “soltanto” ad abbassare la temperatura degli ambienti, altri (a pompa di calore) che sono in grado anche di riscaldare (sono molto utili nelle mezze stagioni) e altri ancora che possono essere usati come ventilatori e/o deumidificatori. Infine, ricordati di considerare la rumorosità: come accennato prima, questo tipo di elettrodomestico può essere molto rumoroso e rischi di disturbare la quiete della tua famiglia e quella dei vicini. Più il numero relativo alla rumorosità (lo trovi espresso in decibel) è alto, più la potenza sonora sarà forte. Tieni conto che molti climatizzatori hanno ormai la cosiddetta funzione Silent o Sleep che permette di diminuirne il rumore, requisito fondamentale se si utilizzano nelle ore notturne o comunque nei momenti di riposo
 

I 5 migliori condizionatori portatili


Condizionatore portatile Beko BP109C Condizionatore portatile Beko BP109C 
Oltre a raffreddare, questo climatizzatore portatile da 9.000 BTU/h è in grado di deumidificare e ventilare gli ambienti. Si posiziona in classe energetica A e ha una rumorosità di 65 dB in modalità raffreddamento. Interessante la presenza della modalità Dolce Sonno per contenere il rumore di notte. Questo modello è tra i migliori condizionatori portatili perché si tratta di un elettrodomestico smart. Infatti, grazie alla possibilità di connetterlo alla rete Wi-Fi di casa, puoi gestirlo direttamente dal tuo smartphone attraverso l’app dedicata HomeWhiz. Inoltre, è compatibile con gli assistenti vocali Google e Alexa: per accenderlo e spegnerlo o per modificare la temperatura ti basta usare la voce. Infine, è dotato di un pannello di controllo touch che ti permette di regolare le diverse impostazioni in modo intuitivo e preciso.

Condizionatore portatile Electrolux EXP26U758CW ChillFlex Pro Gold Electrolux EXP26U758CW ChillFlex Pro Gold 
In classe A++, ChillFlex Pro Gold è il condizionatore portatile migliore per quanto riguarda l’efficienza energetica: arriva a una capacità di raffreddamento di 9.000 BTU/h (in grado di raffrescare una stanza di 30 m³), utilizzando una quantità minima di energia. Può essere gestito in modalità totalmente automatica: basta impostare la temperatura di default per raffreddare la stanza quando vuoi. Inoltre, offre la funzione Sleep per l’utilizzo in camera da letto con un livello di silenziosità che arriva a 60 dB. Dispone anche dall’opzione deumidificazione e di un timer fino a 24 ore. Da segnalare, infine, l’uso del gas sostenibile R290 dall’impatto ambientale contenuto rispetto al tradizionale R410a. 

Condizionatore portatile Olimpia Splendid DOLCECLIMA Silent 12 POlimpia Splendid DOLCECLIMA Silent 12 P
Il plus di questo condizionatore portatile sta nella potenza che arriva a 12.000 BTU/h associata alla Blue Air Technology, una tecnologia esclusiva in grado di diffondere l'aria in modo più rapido e omogeneo rispetto a un sistema tradizionale. In classe energetica A, DOLCECLIMA Silent 12 P ha una potenza sonora di 64 dB e offre la funzionalità Sleep, oltre alle modalità deumidificazione e ventilazione a 3 velocità. Molto pratico il sistema di smaltimento automatico della condensa senza svuotamento manuale della tanica. Infine, va evidenziato il design che si contraddistingue per le linee morbide ed eleganti che lo rendono adatto a qualsiasi tipo di ambiente.

Condizionatore portatile De Longhi Pinguino PACN74ECO De Longhi Pinguino PACN74ECO 
Tra i condizionatori portatili migliori non poteva mancare un grande classico: il Pinguino De Longhi, sinonimo di efficienza unita a comfort e praticità. Nello specifico, questo modello ha una potenza frigorifera di 8.200 BTU/h e si colloca in classe A per quanto riguarda i consumi energetici. Oltre al raffreddamento, può essere impostata la sola funzione ventilazione così come quella deumidificazione (fino a 30L/24 ore). Il livello massimo di rumore si attesta sui 62 dB. Pinguino PACN74ECO dispone di un termostato e di un timer fino a 12 ore ed è dotato sia di maniglie che di ruote per essere spostato velocemente e senza fatica da una stanza all’altra della casa. 

Condizionatore portatile Argoclima Eris Plus Argoclima Eris Plus 
La classifica dei migliori climatizzatori portatili termina con questo modello versatile che offre una grande varietà di funzioni: raffrescamento, ventilazione (fino a 3 velocità), deumidificazione e anche riscaldamento. Ha una potenza di raffreddamento di ben 13.000 BTU/h e un livello di potenza sonora massima di 65 dB. Tra le opzioni integrate, troviamo la modalità Sleep per il massimo comfort di notte e la modalità Swing che imposta l’oscillazione automatica per diffondere l’aria nella stanza in modo ottimale. Molto utili, infine, la funzione Memory che fa ripartire l’apparecchio dopo un black-out con le ultime impostazioni settate e la funzione Auto-diagnosi che mostra eventuali errori sul display a LED con comandi soft-touch, semplificando così le operazioni di manutenzione.