Da Monclick una raccolta fondi di oltre 35.000 ¤ per Informatici Senza Frontiere

Area Stampa
Nova Milanese (Monza e Brianza), 9 ottobre 2012 – Si è conclusa con successo e soddisfazione l'iniziativa benefica che ha visto coinvolti Monclick, il protagonista dell'e-commerce di elettronica di consumo, e Informatici Senza Frontiere (ISF), la Onlus dedicata alla lotta contro il digital divide.

In occasione della tradizionale attività denominata Back To Schoole Back To Work, che Monclick riserva  ai propri  clienti  per  accoglierli  al  rientro  dalle  vacanze,  è  stato  destinato  il  4%  di  ogni acquisto  per  sostenere il progetto a favore della realizzazione di un’aula informatica presso la Missione Salesiana di Bemaneviky, in Madagascar.
 
La  partecipazione  degli utenti di  Monclick ha  superato  di  gran  lunga  le  aspettative di  entrambi  i partner, poiché è stata raggiunta la considerevole cifra di 35.131€. Con questa somma, ISF potrà creare l'aula didattica già attrezzata con 15   notebook e  relativi mouse, una stampante multifunzione  con  la  necessaria  scorta  di  materiali  consumabili ed  un  videoproiettore. Saranno coperte, inoltre, le spese di viaggio dei volontari che si recheranno in Madagascar a fine dicembre in veste di docenti.

"Sin dal primo momento abbiamo creduto fortemente nell’iniziativa con ISF" – commenta Federica Ronchi, Sales & Marketing Director di Monclick – "confidando nella comune vocazione informatica, ma  questo  importante  risultato  ci  ha  sicuramente  sorpresi. Ringraziamo  sinceramente sia i produttori che, con noi, hanno sostenuto economicamente questa campagna, sia i nostri clienti che hanno  aderito  con  tanto  entusiasmo.  Siamo  lieti  di  contribuire  alla  lotta  contro  il digital  divide e siamo  certi  che  la  collaborazione  con  ISF  proseguirà  nel  tempo, riservandoci  nuove  ed  ulteriori soddisfazioni".

L’eccezionale  risultato  consentirà  a  ISF  di  far  ben  più  di quantoaveva  programmato: Infatti  la Onlus ha già previsto una seconda missione a Bemaneviky per la realizzazione della rete locale, della configurazione della connessione Internet e di un corso di informatica avanzato.

Inoltre, verranno sostenuti altri due importanti progetti: Open Hospital in Eritrea e I.S.A.(I Speak Again). Il primo prevede l’informatizzazione del sistema sanitario eritreo a partire dall'introduzione di  "Open  Hospital", un  software  gestionale open source sviluppato  da  ISF appositamente per le esigenze degli ospedali.
I.S.A., invece, consiste nello sviluppo di una soluzione di comunicazione assistita per coloro che sono colpiti da malattie gravi, come ad esempio la SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica). Per realizzarla, verrà creato un sistema open source a costi accessibili che,tramite tastiere virtuali, dispositivi di puntamento sulla base del movimento della pupilla o del viso e sintetizzatori vocali, ridarà a questi pazienti gravissimi la possibilità di comunicare.

"Un risultato che ha colpito noi per primi, quello conseguito da Monclick con la campagna autunnale”, è il commento di Girolamo Botter, Presidente di ISF.“Un risultato che dimostra più di mille discorsi che – quando un progetto e un impegno sono concreti e utili – anche nei momenti economicamente più difficili si può trovare un punto d’incontro fra l’innato spirito di solidarietà degli italiani e gli obiettivi di efficienza economica perseguiti dalle aziende. Quello è il punto in cui la CSR diventa un’iniziativa win-win per tutti i soggetti coinvolti, ossia esattamente la direzione in cui ci proponiamo di procedere per il sostegno alle iniziative di ISF".